Questione di talento

Mi domando perché da qualche anno a questa parte sembra che  gli unici talenti siano legati al mondo dello spettacolo. “Tu hai talento, tu sei un animale da palcoscenico”, ma cos’è il talento? In parole semplici potrebbe essere l’attitudine, straordinaria, a fare qualcosa… Allora, mi domando, il talento non dovrebbe essere solo cantare e ballare!

Credo fortemente che il talento sia necessario per tutto, per ogni lavoro e per ogni volontà, così, mentre ci si tira per i capelli per dimostrare una presunta superiorità c’è tanto bisogno di talento reale per lavori che non vuole più nessuno.

 

Bruna

 

larosabrunabis.blogspot.com

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Humani nihil a me alienum puto

Il corpo delle persone assomiglia ad un contenitore televisivo. C’è il format per la mattina, quello dell’ora di pranzo, quello pomeridiano, serale e notturno.

La televisione perfetta anche negli orrori, nella lacrima e negli “inconvenienti” della diretta. Pronta a prestarsi allo scherzo e attenta a scaricare colpe sugli occhi di chi guarda.

Tutti somigliano a tutti, lo scambio è completo al punto da non generare alcuno stupore: è un susseguirsi di persone che combaciano perfettamente al modello precedente.

La cosa importante è apparire e non essere, se un modello funziona è necessario replicarlo non sperimentare altro.

Per questo è importante apparire. Se non fosse importante sembrare ma l’essere, ad esempio, tutti sarebbero contenti delle proprie rughe perché testimonierebbero una saggezza senza precedenti. Invece, giovani per sempre, perché la cosa importante è riuscire ad entrare in una minigonna e vedere le teste che si girano quando passi.

Siamo tutti unici, ma uguali: uguali per non soffrire e unici per non morire.

 

Bruna

 

larosabrunabis.blogspot.com

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Italian Servant

I Paesi di cultura anglosassone hanno un modo di fare ben diverso dalla casareccia Italia.

Se lì un cittadino/utente si permette di appellare in maniera poco carina un servant, cioè un funzionario del pubblico impiego,  può essere condotto in giudizio.

In Italia la stessa P.A. descrive se stessa in termini di inefficienza, inefficacia e diseconomicità.

Un padre conosce i suoi figli così come la chioccia i suoi pulcini, che da ciò si possa dedurre che un amministratore conosca i suoi subordinati?

Intanto una buona e valida rappresentazione:

http://www.youtube.com/watch?v=V-SxO8ZgH3o&NR=1

Bruna

larosabrunabis.blogspot.com

Lascia un commento

Archiviato in Parole sparse

Statistiche Estive

Estate 2011. I media e i giornali si preoccupano di far emergere l’annoso dilemma legato alla preferenza del mare o della montagna come meta per le vacanze.

Che l’estate 2011 sia l’occasione di trovare finalmente la soluzione a tale problema?

Mentre nero su bianco c’è chi blatera, ognuno ha le sue preoccupazioni che coinvolgeranno in un modo o nell’altro le riviste e i giornali.

Gli universitari non leggeranno altro che libri: vedere quella gente al mare fa ribrezzo tra le sudate carte con la spada di Damocle che pende sul collo promettendo tagli alle borse di studio.

L’ultima arrivata Bona E Bella, sfogliando compiaciuta le pagine patinate, constaterà che il suo costume non sembra leggermente opaco, ma decisamente trasparente.

Andranno come sempre “esauriti” i giornali che riportano le news sui concorsi e sui posti di lavoro, quelli, a parte l’avvento di internet, calano difficilmente per vendite.

Intanto è ormai accertato che l’uomo si avvicina sempre più agli animali da letargo.  Dal punto di vista comportamentale, intendo.  In estate molti dei lavoratori non retribuiti escono dalle loro dimore e cercano di procacciarsi quanti più lavoretti possibile. Serviranno questi soldini racimolati in giro a sopravvivere durante l’inverno in cui ci si dovrà preoccupare di farsi sfruttare col sorriso sulle labbra.

Bruna

larosabrunabis.blogspot.com

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Pizza e mandolino

Se bisogna prima capire se stessi per comprendere gli altri dovremmo accettare l’idea dello stereotipo: significherebbe essere immediati e definiti… Intellegibili!

Pasta e mandolino, certo, ma andrebbe bene anche “pizza e mafia”:  infondo “semplicità vo’ cercando”.

Uno stereotipo può diventare un tipo ideale: quale donna non vorrebbe un moro mozzafiato e romantico a fare una corte spietata?

Uno stereotipo può diventare un problema: la donna corteggiata spietatamente potrebbe denunciare per stalking il suo “persecutore” amoroso.

Bruna

ph. da http://www.comuniclab.it/42748/digitale-pizza-e-mandolino

larosabrunabis.blogspot.com

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Hello world!

Only words and ideas

Good life World and God save the sun!

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized